Blog

Comunicazione e Informazione

Z

comunicazione digitale

l

illustrazioni

fotografia

pianificazione media

Morgan ha accettato la candidatura a sindaco di Milano

mORGAN HA ACCETTATO LA CANDIDATURA A SINDACO

Morgan ha accettato la candidatura a sindaco di Milano. Perché, qualora doveste scoprirlo adesso, qualcuno aveva candidato Morgan a sindaco di Milano. Vittorio Sgarbi, per essere più precisi. In un’Italia in cui la politica è stata svuotata di ogni significato o capacità di indirizzo, per essere ridotta a operetta per il ludibrio delle masse, la cosa non è neanche troppo sorprendente. Data la strana commistione tra boutade e notizia, non sappiamo se presentarvela come possibilità reale o scherzosa, quindi ci limiteremo ai fatti.

Morgan ha accettato la candidatura a sindaco di Milano

Il buffonesco critico d’arte aveva proposto la candidatura del cantante per lo scranno di Palazzo Marino sotto le insegne del suo personale movimento politico, la lista Rinascimento. Dal canto suo poi, l’argenteo musicista ha fatto sapere di essere pronto a raccogliere la sfida. Lo ha fatto intervenendo in diretta durante la trasmissione di Rai Radio 1 “Un giorno da pecora”, condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro.

«Se la cosa si concretizzerà esporrò la mia visione», ha detto. Poi ha sparato anche qualche nome di quelli che vorrebbe nella sua squadra in giunta: «Il professor Alberoni, che è una grande risorsa culturalmente parlando, e Eugenio Finardi, un’altra figura importante». Si è definito «di formazione liberataria, né di destra né di sinistra, ma più di sinistra che di destra». Non vota perché non si riconosce «in questo stile di democrazia finta» e dice che «Salvini non mi dispiace, ha dei tratti positivi, vedo più le persone, oggi come oggi non si può credere in un partito come quando c’erano Berlinguer e Almirante».

Tornando poi sull’argomento in un post su Instagram, Morgan ha poi ribadito di essere a disposizione. Speriamo vivamente che nessuno lo prenda in considerazione.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Accetto la candidatura a sindaco di Milano, per queste ragioni: Amo profondamente questa città, ci vivo e ci sono nato, la considero un luogo intelligente e dalle infinite potenzialità. Vorrei valorizzare la profondità culturale intendendo la cultura e l’istruzione la base sulla quale si fonda un’economia e non viceversa. Vorrei dare spazio a progetti di giovani ingegnosi e pieni di energia e creatività per togliere il grigiore deprimente. Vorrei ripristinare dove è possibile le vie d’acqua di Leonardo e renderle luoghi belli, piacevoli, adatti a bambini, cittadini turisti e commercio. L’acqua, la storia, l’arte, la natura e la convivenza sociale un po’ meno sui social network e un po’ più nella realtà sociale. Non è un programma, sono dei sentimenti. La realtà è complessa ma ci sono tante persone intelligenti e propositive con cui collaborare per un progetto condiviso di vera rinascita.

Un post condiviso da Marco “Morgan” Castoldi (@morganofficial) in data:

 

LEGGI ANCHE: Tutto ciò che non va nella questione Incontrada-Vanity Fair