Blog

Comunicazione e Informazione

Z

comunicazione digitale

l

illustrazioni

fotografia

pianificazione media

Facebook potrebbe dover dire addio a Instagram e Whatsapp

Facebook potrebbe dover dire addio a Instagram e Whatsapp

Facebook Inc potrebbe essere costretta a vendere Instagram e Whatsapp. La US Federal Trade Commission,  insieme a quasi tutti gli stati americani, ha infatti intentato azioni legali contro la società di social media. L’accusa è di aver utilizzato una strategia di “acquisto o seppellimento” per affossare i concorrenti più piccoli. Non è certo la prima volta che Facebook si trova al centro delle polemiche, anche di natura legale. Vi ricordate quando vi parlammo dei procedimenti per violazione delle norme antitrust contro tutte le big company tecnologiche?

Facebook potrebbe dover dire addio a Instagram e Whatsapp

Stavolta, però potrebbe essere peggio. Raramente, infatti, negli USA si era visto un tale consenso bipartisan nei confronti di una grande compagnia. Per capirci, 46 dei 50 Stati americani, di qualsiasi colore politico, hanno deciso di aderire alla causa in corso. E questo nonostante lo scontro tra democratici e repubblicani abbia in questi mesi raggiunto il calor bianco.

Un consenso bipartisan

Le denunce di mercoledì accusano Facebook di acquisire illegittimamente rivali, e si concentrano in particolare sulle sue precedenti acquisizioni dell’app di condivisione di foto Instagram per $ 1 miliardo nel 2012 e dell’app di messaggistica WhatsApp per $ 19 miliardi nel 2014. I regolatori federali e statali hanno affermato che le acquisizioni dovrebbero essere annullate. Una mossa che probabilmente darà il via a una lunga sfida legale. “Per quasi un decennio, Facebook ha usato il suo dominio e il potere di monopolio per schiacciare i rivali più piccoli, soffocare la concorrenza, il tutto a scapito degli utenti”, ha affermato il procuratore generale di New York Letitia James a nome della coalizione.

Facebook risponde al fuoco

L’avvocato generale di Facebook Jennifer Newstead ha definito le cause “storia revisionista” e ha detto che le leggi antitrust non esistono per punire le “aziende di successo”. Ha detto che WhatsApp e Instagram hanno avuto successo dopo che Facebook ha investito miliardi di dollari nella crescita delle app. In un post sulla piattaforma di discussione interna di Facebook, l’amministratore delegato Mark Zuckerberg ha detto ai dipendenti di non prevedere “alcun impatto su singoli team o ruoli” a seguito delle cause legali, che ha affermato essere “un passo in un processo che potrebbe richiedere anni per giocarsi nella sua interezza. ”

FONTE: REUTERS