Blog

Comunicazione e Informazione

Z

comunicazione digitale

l

illustrazioni

fotografia

pianificazione media

Pfizer annuncia che il suo vaccino è efficace

l vaccino di pfizer è efficace

Pfizer annuncia che il suo vaccino è efficace. Al 90%, un risultato che va ben oltre le aspettative della stessa casa farmaceutica, e che fa intravedere una luce in fondo al tunnel di questo incubo-pandemia. L’annuncio è arrivato dal presidente di Pfizer Albert Bourla. La notizia arriva proprio quando ce n’era più bisogno, in un periodo in cui ormai ci siamo abituati a leggere notizie allarmanti e conteggio dei morti ogni giorno.

Pfizer annuncia che il suo vaccino è efficace

Il vaccino è stato messo a punto dalla Big Pharma americana Pfizer insieme all’azienda biotech tedesca BioNTech. E’ la prima a diffondere i dati conclusivi dei trial. Ora non resta che attendere l’autorizzazione degli organi di controllo che dovranno verificare i dati e certificare la sicurezza dell’impiego del vaccino anche sulle fasce deboli. La previsione è che arrivi, almeno negli Stati Uniti, entro novembre e subito dopo anche in Europa. Pfizer e BioNTech prevedono di poter consegnare 50 milioni di dosi nel mondo entro quest’anno e 1,3 miliardi nel 2021.

L’attesa per la distribuzione

Le prime dosi, se la buona notizia verrà confermata, saranno duramente contese sul mercato. La Commissione Europea ha concluso conl’azienda farmaceutica americana un contratto di pre-acquisto per 200 milioni di dosi, da dividere fra gli stati in base alla popolazione. Il vaccino è adatto alle persone tra i 16 e gli 85 anni. Per garantire la piena copertura vaccinale saranno necessarie due dosi, anche se pare che si possa parlare di efficacia conclamata già dopo la prima. La distribuzione però non sarà semplice: le dosi vanno mantenute a meno 80 gradi fino alla somministrazione. Freezer così potenti, in molte zone anche d’Italia, sono disponibili negli ospedali e nei centri vaccinali più grandi.

La verifica della comunità scientifica

Perché si possa procedere è ora necessario che la ricerca venga pubblicata su una rivista di settore e sottoposta al vaglio peer review della comunità scientifica. Nel frattempo, entro il mese, dovrebbero arrivare anche i dati riguardanti altri due vaccini al momento in corso di trial, quello di AstraZeneca con Oxford e della biotech americana Moderna. Insomma finalmente pare che le cose stiano prendendo una buona piega, come sottolineato dall’esplosione dell’euforia sull borse di tutto il mondo.

 

LEGGI ANCHE: La Regione Lombardia ora punta sulla comunicazione